Chi Siamo

Arrediamo con voi da tre generazioni

La nostra azienda è nata nel 1935 dall'iniziativa dei fratelli Federigo e Toscano Pancani.
Siamo una realtà radicata da più di 80 anni nel territorio di Signa e zone limitrofi, ci conoscono per la nostra professionalità e l'alta qualità dei nostri prodotti.
In continuità con il passato, la terza generazione dei Pancani offre alla sua clientela un ottima qualità di prodotti sia nella tradizione classica sia nel design moderno e innovativo, venendo incontro alle richieste di ogni tipo.
La nostra forza è l'ascolto del cliente: l'arredamento di una casa deve raccontare la personalità di chi ci vive, il suo gusto estetico, il suo stile di vita e le sue esigenze pratiche, la nostra ambizione è offrire al cliente un arredamento che sia un perfetto equilibrio tra design e funzionalità.

Storia
Il mobilificio Fratelli Pancani è la storia di un'intera famiglia, una storia che ha inizio nel 1917 quando Enrico Pancani, agricoltore, muore lasciando sola la moglie Arduina Chiani, con i suoi tre figli: Toscano, Elio e Federigo.
Federigo e Toscano imparano il mestiere come apprendisti falegnami, presso una falegnameria di Signa, dove tutte le mattine si recavano a piedi dai Colli Alti. Più tardi ormai giovanotto Federigo si spostò a San Piero mentre Toscano rimase a Signa. Ma la separazione non era destinata a prolungarsi e soprattutto non erano più e tempi né di “scaldare la colla” ne di fare “mobiletti a casa della mamma”.
Era passato il tempo dell'apprendistato e i due fratelli decisero di mettersi in proprio.
Era il 1935 quando nacque il mobilificio fratelli Pancani, lavoravano in un magazzino in affitto dove costruivano paraventi, mobili da cucina, i “mettitutto” ma anche fondi e tappi per botti.
Trascorsero alcuni anni e l'azienda crebbe, tanto da vendere ai negozi della zona armadi, letti e cassettoni. Ma erano anche gli anni del fascismo e dell'imminente guerra i cui tragici eventi non risparmiarono neppure queste zone duramente colpite durante i bombardamenti del 1944; così anche la produzione dei fratelli Pancani dovette subire un arresto.
Con il ritorno della pace e della tranquillità anche il mobilificio riprese a lavorare più intensamente.
Elio, l'unico fratello che partì per la guerra, tornato dopo essere stato prigioniero nel 1946, si inserisce  nell'azienda di famiglia.
Nel 1951 “per 300 lire al metro” acquistarono un terreno, dove nel 1954 vi costruirono il primo capannone ad uso laboratorio.
In questi anni il mobilificio fu premiato dalla Mostra dell'Artigianato delle Signe con segnalazione per produzione mobili nel 1952 e con il Primo premio produzione mobili nel 1953. Nel 1966 viene costruito l'edificio principale dove attualmente vi è l'esposizione.
Nel 1967 i tre titolari decisero di iniziare la vendita diretta al pubblico quando già da alcuni anni i loro figli Luciano, Adriano, Lando e Enrico erano entrati nella ditta. C'era chi faceva il “lustrino”, chi il falegname e chi assemblava i mobili.
I due fratelli Luciano e Adriano portarono la ditta ad una rinnovata identità tuttora in continua evoluzione grazie hai loro figli Andrea e Luca.

Adesso il figlio rimasto Adriano racconta, di come suo padre Federigo ad 85 anni con gli occhi lucidi dalla comozione  guardava ciò che la sua azienda era diventata, dicendo che tutti i giorni era al mobilificio, ma che avrebbe voluto esserci molto di più.

Gallery


pancani arredamenti mobilificio signa firenze cucine camere soggiorni